SPEDIZIONE GRATUITA in tutta Italia
  • Home
  • Living
  • Lo yoga è un po' magico. Il suo ingrediente fondamentale? L'attenzione!

Lo yoga è un po' magico. Il suo ingrediente fondamentale? L'attenzione!

di BeHOLY TEAM on May 27, 2020  in Insegnanti Yoga
Abbigliamento Yoga BeHOLY

Antonella Rondinone è un’insegnante di Hatha Yoga certificata ed è specializzata nello Yoga per la donna, in particolare nello yoga in gravidanza e post natale. Vive e insegna a Roma. Per conoscerla meglio, le abbiamo posto alcune domande...

1. Come e quando ti sei avvicinata allo Yoga?

Lo yoga è entrato a far parte della mia vita molto presto. Anziché giocare a pallavolo (ero una tale schiappa!) o seguire un corso di danza (magari moderna o jazz come si usava negli anni ’80) a me è toccato lo Yoga. E come in ogni storia d’amore che si rispetti ci sono stati alti e bassi, separazioni e ricongiungimenti ma dopo moltissimi anni siamo ancora qui.

Nel tempo ho incontrato vari stili di Yoga (Iyengar, Ashtanga, Vinyasa, Hatha, Hatha Flow, Yoga Ratna, Yoga in gravidanza, Yoga mamma-bimbo, Yoga con bimbo che rompe…) praticando con tanti insegnanti diversi ognuno dei quali ha lasciato il proprio segno. E così eccomi qua, dall’altra parte della barricata a cercare di trasmettere ai miei allievi un po’ del benessere che lo Yoga mi dona ogni giorno.

Abbigliamento Yoga
Abbigliamento Yoga
Abbigliamento Yoga
Abbigliamento Yoga

2. Cosa è cambiato?

Per me non c’è mai stato veramente un prima e un dopo perché grazie ai miei genitori ho incontrato lo yoga molto presto. Quello che è cambiato negli anni è l’idea che ho dello yoga e il ruolo che gioca nella mia vita. Ed è un’idea in continua evoluzione!

E’ stata una forma di allenamento fisico che ho praticato perché mi faceva sentire forte e flessibile. E’ stato uno strumento introspettivo fantastico per affrontare gli enormi cambiamenti fisici ed emotivi portati dalla gravidanza. Mi ha fatto passare il mal di schiena accumulato durante le lunghe ore passate al computer ed è stato un incredibile antidoto contro lo stress. Mi ha aiutato ad imparare a seguire i segnali del corpo per comprenderne la fonte a livello emotivo. Ma, soprattutto

ha accompagnato la mia evoluzione personale fino a diventare così importante da farlo diventare il mio lavoro.

 

Abbigliamento Yoga

 

3. Che cos’è per te lo Yoga adesso?

Lo yoga è tante cose: è ricerca del benessere fisico, della pace mentale, di una via verso l'introspezione o verso la spiritualità. In diversi momenti della nostra vita, in base a ciò di cui abbiamo bisogno, possiamo attingere dallo yoga ciò che ci serve.

riedrich Nietzsche in Così parlò Zarathustra dice che c’è più ragione nel nostro corpo che nella nostra migliore saggezza.

Lo yoga ci insegna ad avere coscienza del nostro corpo, a comprenderlo, ad ascoltarlo e a trarre da lui informazioni preziose.

Una tensione non è mai solo una tensione. Viene sempre da lontano: dalla stratificazione di emozioni, sentimenti e reazioni a ciò che incontriamo nel nostro percorso. Anche la nostra postura non è casuale. Il modo in cui ‘portiamo’ il nostro corpo è la rappresentazione fisica di come vediamo noi stessi e percepiamo il mondo. Le nostre emozioni, infatti, sono estremamente potenti e vive: si muovono attraverso i nostri muscoli, cambiano la circolazione del sangue, il ritmo del respiro. Danzando nella nostra mente e nel nostro cuore danno forma al nostro corpo.

Attraverso lo yoga, lavorando sul corpo tramite le posizioni (asana) e il respiro (pranayama) possiamo, con dolcezza, sciogliere le nostre contratture e le nostre tensioni, anche a livello emotivo. Per farlo abbiamo bisogno di un ambiente caldo, sicuro, contenuto: un bozzolo dove ciascuno possa trovare l’attenzione di cui ha bisogno per percorre la mappa delle proprie contratture, fisiche ed emotive, comprenderle e lasciarle andare.

Questo è quello che cerco di offrire alle persone che praticano con me: uno spazio tranquillo dove compiere questo viaggio e una guida gentile per trovare la strada.

4. Che consigli daresti ad un nuovo praticante e quali daresti alle persone che non praticano lo Yoga?

Esplora! Esplora te stesso, i vari stili di yoga, le varie posizioni, gli effetti del respiro. E osserva. Cosa ti accade quando fermi il tuo corpo? Siamo sempre concentrati sulla parte attiva, sul movimento, al quale diamo una valenza positiva. Ma cosa accade quando lo fermiamo in un asana? E cosa accade alla mente? Cosa succede quando ti trovi in una posizione scomoda o troppo intensa? Lo yoga è una metafora, le risposte che troviamo valgono anche per la vita! .

Sii curioso, attento, appassionato e per quanto possibile costante.

Questo direi ad un nuovo praticante.

Lo yoga è un po’ magico, anzi molto magico, ma per far funzionare la sua magia ha bisogno di un ingrediente fondamentale: l’attenzione. A quello che facciamo, a come lo facciamo, a dove va il respiro a cosa accade dentro di noi. Se mentre pratichiamo non siamo presenti e non prestiamo attenzione, lo yoga non può compiere il suo incantesimo. Però non preoccuparti perché anche senza magia i risultati arriveranno: ti troverai un fisico tonico, elastico, asciutto, con un buon metabolismo e un’ottima postura. Che non è poco! Ma se investi la tua attenzione scoprirai frontiere sconosciute di benessere!

E a chi non pratica direi: «beh, non ti è venuta voglia di provare?»

-

Potete seguire Antonella, le sue attività ed iniziative sul sito www.yogaround.it e tramite i suoi profili Facebook @yogaround ed Instagram rondinoa.


LASCIA UN COMMENTO
Torna su